1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
     
Torna ai Podcast

Le nuove proposte musicali

A cura di Marco Cavalli

Contenuto della pagina
 
  1.  

    I protagonisti di questa settimana

     

    IL COLLE

    “Dalla parte dello scemo” è il disco d’esordio de Il Colle, in uscita il 15
    settembre 2017. Ritmi folk ed influenze che vanno dal pop al rock al
    punk, con la volontà di raccontare storie per gli ultimi romantici che
    ancora parlano alla luna, per i provinciali che continuano ad uscire alla
    Casa del Popolo sperando di fare qualcosa e per quei sognatori che
    cercano, invano, di guardare il mondo andando oltre la realtà. Undici
    brani per fare ballare la malinconia: che nella vita ci vogliono ritmo per
    i piedi e sogni per il cuore.
    “Dalla parte dello scemo” è il disco d’esordio de Il Colle, in uscita il 15 settembre 2017. Un lavoro il cui titolo si
    rifà alla frase del drammaturgo Tedesco Bertolt Brecht “ci siamo seduti dalla parte del torto perché tutti gli
    altri posti erano stati occupati”. Una frase che, riadattata e portata ai giorni nostri, potrebbe diventare “ci
    siamo seduti dalla parte dello scemo perché neanche dalla parte del torto era rimasto più posto”. La parte del
    torto viene così cancellata dal mondo dei social network, in cui tutti possono avere ragione e viceversa, e dal
    buon vecchio caro amico nichilismo, di cui ormai si è disquisito fin troppo, per venire sostituita dalla parte dello
    scemo.
    “Mentre una volta dalla parte del torto si sedevano gli oppressi, gli emarginati e gli ultimi, oggi dalla parte
    dello scemo si siedono i nuovi ultimi – racconta Il Colle -. Ma chi sono i nuovi ultimi? Semplice dai, quasi
    scontato: i giovani ovviamente! Ma non solo i giovani…anche tutta quella fascia di persone che ai tempi della
    tecnica crede ancora che si possa ragionare e mangiare col cuore e con la passione. Nelle canzoni di questo
    disco parliamo non proprio degli ultimi, più dei penultimi: quei figli della piccola-media borghesia, quelle
    generazioni che hanno perso l’uso dei proverbi, che hanno confusione in testa, che sono attanagliati dall’ansia,
    a cui è stato insegnato a fare sogni grandi come case per poi farsi dare una bella pedata nel di dietro. Gente
    che non ha il posto fisso e che magari nemmeno lo vuole, oppure non sa se volerlo o meno, gente che si sta
    svegliando ma vuole dormire, che non vuole più bere sempre la solita merda ma che vuole bere merda per stare
    piegato e… Ma Oh! Questo album allora si può sapere di cosa parla?!? Eh! Di questo! E’ un viaggio attraverso la
    parte dello scemo, tutto molto leggero, tutto molto pop. Perché noi non siamo pesanti, è la vita che ci pesa.”
    Il disco è stato anticipato dal primo singolo “Io ti amo Calimero (Parigi)”, accompagnato da un videoclip visibile
    al seguente link: https://youtu.be/VWr4ngJBFFk.

    Ascolta la puntata >>

    IN ONDA:
    Martedì ore 21.30
    Giovedì ore 16,30
    Sabato ore 21.30