1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
     
Contenuto della pagina

Dimmelo Tu

 
  1.  

    Le mostre

    Intervista a ALBERTO FORTIS

    torna con un nuovo disco: DO L’ANIMA

    Dopo quattro anni di lavoro e ad otto anni dal suo ultimo disco in studio, il 30 settembre esce il nuovo album dell’artista prodotto insieme a Lucio Fabbri. Seguirà il lancio del videoclip intorno alla metà di ottobre
    «Credo all’esistenza di un’altra vita, ai suoi suggerimenti, alla missione di vivere quella presente al meglio, per se stessi ed anche per gli altri. Attribuisco a questa canzone la continuità della vita, la linea dell’orizzonte che c’è tra terra e cielo, tra uomo e donna, tra realtà e arte. Do l’anima significa essere a disposizione della propria Crescita. Ho sempre dato tutto me stesso e continuerò a farlo. »
    A 35 anni dal suo esordio folgorante, Alberto Fortis continua a macinare chilometri di musica e torna a sorprendere. Do l’anima, il nuovo cd che racchiude quattro anni di lavoro, è stato realizzato in modo atipico e suggestivo: l’Artista insieme al co-Produttore (Lucio Fabbri) chiusi due mesi in studio a suonare di tutto, senza aiuti esterni a scremare tra le 40 canzoni scritte negli ultimi quattro anni, a scegliere la via insomma; gli altri musicisti arriveranno solo in seguito. È Lucio a suggerire ad Alberto un approccio insolito: puntare tutto sulla melodia mettendo da parte la poliedricità compositiva che da sempre è uno dei marchi di fabbrica di Fortis. Ascoltando le tracce si respira infatti una coesione resistente alle intemperie, dove è stato tolto il superfluo senza alcun timore, perché, come diceva Miles Davis: “una volta finita la canzone, devi pensare a cosa sottrarre per avere la canzone vera”.
    Solo in un caso, Fortis ha provato ad aggiungere, a proposito della foto di copertina. La storia è bella: la copertina del nuovo disco era già pronta, fissata da tempo nei colori e nelle forme. Poi, un giorno, Fortis va al MiArt, dove, passeggiando per gli stand, si imbatte nelle opere di un’artista sudamericana di stanza a Miami. Si chiama Nina Surel, dipinge donne dal volto algido e dalla provenienza ignota, quasi aliena, immerse in contesti bizzarri o multimaterici. Quadri ieratici che sembrano ambientati nel futuro ma che raccontano bene il presente. Fortis chiede di conoscere l’artista, ne nasce una bella sintonia che si traduce in collaborazione: Nina rielabora la copertina, la rivisita, la trasforma senza snaturarne l’essenza, mantenendo sempre quel senso di mistero che rende speciale l’arte, tanto che alla fine non si capisce se Fortis stia indossando la maschera per nascondersi, sdoppiarsi, moltiplicarsi o se, più probabile, la stia togliendo per tenere fede al titolo e mettersi a nudo.
    Do l’anima perché l’anima è tutto quel che conta, in questo tempo sbandato dove le canzoni sempre più raramente fanno rima con emozioni. Qui ce n’è fino allo stordimento e va bene così. Le canzoni non salvano più il mondo, ammesso l’abbiano mai fatto, ma sono comunque una luce - a volte flebile come di candela, altre volte potente come faro – in questa notte sociale dove in casa fa freddo e “fuori è Vietnam”.